Ricerca scientifica Italiana

Ricerca scientifica, vizi e virtù del Belpaese.

Ad andare in giro per il mondo, si finisce col tornare a casa con un senso di mancanza: è la percezione di ciò che in Italia non si è fatto – e si continua a non voler fare – per la ricerca scientifica e la cultura. Rammento, in particolar modo, le considerazioni – talvolta amare – che ci si scambiava…

Continua a leggere

Incontri con Autori

Il futuro, i giovani e la globalizzazione

Durante la pubblicazioni dei libri della collana: I Dialoghi, gli autori erano impegnati nel confronto con i ragazzi delle scuole superiori. Alcuni autori erano molto portati nel dialogare con gli adulti-giovani. Francesco Paresce – noto astrofisico che ha lavorato per molti anni negli Stati Uniti e in Olanda, nonché nipote di Marconi – riuscì, ad esempio, ad animare una lunga…

Continua a leggere

Tito Arecchi

Tito Arecchi, coerenza e complessità per esaltare la creatività della scienza

Ci ha lasciato ieri Tito Arecchi, grande scienziato italiano, esperto della fisica dei laser e di ottica quantistica, che abbiamo avuto il piacere di incontrare e di “ospitare” nella nostra collana I DIALOGHI. Originario di Reggio Calabria, Arecchi aveva studiato e lavorato in prestigiose università italiane – a Milano, Pavia, Firenze – ma anche al MIT e nei laboratori IBM…

Continua a leggere

Afonso Maria Di Nola

Alfonso Maria Di Nola, dalla psicoanalisi al Papa

Ho incontrato Alfonso Maria Di Nola nel 1996, a Roma, quando già la sua vista era gravemente compromessa. C’era anche un suo allievo, Ireneo Billotta, che lo aiutava nella lettura e nella scrittura, insieme alla moglie. La coppia lo ospitava ormai da tempo a casa propria, perché Di Nola era rimasto solo, dopo il divorzio. Lo trattavano come se fosse parte della…

Continua a leggere

Arno Penzias e il rumore di fondo

Malgrado l’idea di incontrare il Premio Nobel Arno Penzias mi avesse entusiasmato fin dall’istante in cui avevo ricevuto la sua risposta affermativa, alla mia proposta editoriale, il destino volle che, al momento dell’incontro fissato, io non potessi recarmi in California per intervistarlo. Chiesi pertanto a Mel Goldzband, un mio amico psichiatra che vive a San Diego, la cortesia di sostituirmi. Penzias aveva già…

Continua a leggere

Interviste con gli Autori

Incontrare l’altro

Ogni incontro è stato decisivo: dal punto di vista umano, intellettuale e per quello che ha portato con sé, sia in termini di ulteriori sviluppi che di arricchimento personale (e non mi riferisco a un arricchimento economico). Tutto è iniziato con una casa sul lago di Bracciano. Il mio vicino di casa si chiamava Giuseppe Arcidiacono e anno dopo anno,…

Continua a leggere

Mirko Drazen Grmek

Mirko Drazen Grmek

Di Mirko Grmek ricordo innanzitutto il viso: largo, con gli zigomi sporgenti, sorridente. Un viso aperto: alla vita, alla gioia. Poi la piccola borsa a tracolla di stoffa, che portava sempre con sé, e nella quale infilava di tutto. La prima volta che c’incontrammo fu a Roma, nel mio ufficio. Io lo salutai in inglese e lui mi spiazzò con…

Continua a leggere

Diventare editori

Perché fare l’editore?

Ho già detto di come la scelta di fare l’editore sia stata quasi imprevista. Di certo non programmata. Eppure, nel ripercorrere la successione delle tappe salienti della mia vita, posso interpretarla – oggi – come una svolta quasi inevitabile, per nulla estranea a ciò che l’ha preceduta. C’è una sorta di continuità tra lo studente che ero, quando scelsi la…

Continua a leggere

Benoit Mandelbrot

Benoit Mandelbrot, potenza immaginativa rarissima

L’idea di coinvolgere Mandelbrot tra gli autori della collana “I Dialoghi” me la diede il mio amico, nonché scienziato, Giuseppe Arcidiacono: “Non puoi non intervistarlo. Il suo pensiero ha una potenza immaginativa rarissima”. Arcidiacono, da matematico, era un convinto assertore dell’immaginazione quale elemento fondante di qualsiasi disciplina scientifica, ma della matematica in particolare. Essendo la mia stima nel giudizio di Arcidiacono assolutamente…

Continua a leggere

Desmond Morris

Desmond Morris, il sogno nel cassetto

Desmond Morris l’ho conosciuto dai suoi libri quand’ero ancora un ragazzo: La scimmia nuda, in particolare, mi aveva proprio appassionato. Ero rimasto colpito dalla sua capacità di catturare il lettore, come fanno i veri scrittori. Cosa tutt’altro che comune fra gli scienziati. Il suo era un parlare “semplice”: dotto e al tempo stesso discorsivo. Mi feci di lui l’idea di un…

Continua a leggere